contattaci

…E’ ORA IL MOMENTO…

Home / Blog / …E’ ORA IL MOMENTO…

05-10-2020

L’acquisto di un immobile impiega, infatti, ingenti capitali e per questo è normale cercare informazioni sicure. A preoccupare i nuovi acquirenti c’è anche l’aspetto che riguarda la tassazione e la possibilità o meno di usufruire di agevolazioni per i lavori di manutenzione ordinaria o straordinaria necessari a rendere la casa agibile, confortevole e in linea con l’aspetto estetico che si desidera. Vediamo quindi quali sono i bonus prima casa 2020: le agevolazioni previste

 Oltre alla proroga prevista dalla Legge di bilancio, che consente di richiedere il bonus prima casa 2020 fino al 31 dicembre 2020, è prevista un’ulteriore proroga in risposta all’emergenza Covid-19.

Infatti, chi deve ristrutturare o eseguire interventi di efficientamento energetico, ha la possibilità di fruire del bonus e delle agevolazioni fiscali per l’acquisto della prima casa anche successivamente, grazie alla sospensione dei termini previsti. Ma quali sono le agevolazioni previste dal Bonus prima casa 2020?

In primo luogo la riduzione dell’IVA, che scende dal 10% al 4% nel caso in cui si acquisti l’immobile direttamente dall’impresa costruttrice. In questo caso, si pagherà un’imposta agevolata fissa di 200 euro per l’imposta ipotecaria, catastale e di proprietà;

l’imposta agevolata in misura fissa di 200 euro si applica anche per l’acquisto di un immobile volto a successioni o donazioni;

per l’acquisto da privati o da società l’imposta di registro da versare per l’acquisto dell’immobile viene ridotta al 2% . In questo caso, l’imposta catastale e l’imposta ipotecaria restano fisse a 50 euro;

per quanto riguarda il credito d’imposta, i soggetti che vendono e riacquistano l’immobile entro 12 mesi possono usufruire delle agevolazioni detraendo l’imposta nuova da pagare con quella già pagata per l’acquisto del precedente immobile.

Le agevolazioni previste dal Bonus prima casa 2020 non finiscono qui. Infatti, oltre alle imposte agevolate e ridotte, chi acquista la sua prima casa può anche usufruire di ulteriori detrazioni in sede di presentazione della dichiarazione dei redditi.In questo caso, è possibile richiedere:

  • una detrazione Irpef pari al 19% e fino a un tetto massimo di 1.000 euro relativa alle spese di intermediazione immobiliare;
  • una detrazione sul mutuo relativamente agli interessi passivi.

Ovviamente, per poter ottenere le detrazioni fiscali previste dal Bonus prima casa 2020, è fondamentale rispettare alcuni requisiti. Vediamo, innanzitutto, quali caratteristiche deve possedere l’immobile. Chi acquista la prima casa, deve accertarsi che l’abitazione:

  • non rientri nelle categorie catastali A1, A8 e A9;
  • rientri in una delle categorie di abitazione di tipo:
  • civile (A/2);
  • economico (A/3);
  • popolare (A/4);
  • ultra popolare (A/5);
  • rurale (A/6);
  • abitazioni in villini (A/7);
  • abitazioni tipiche del luogo (A/8).

In definitiva analizzando la situazione ad oggi l’ acquisto della prima, viene agevolata da diversi fattori, quali tassi al minimo storico, bonus ristrutturazioni vari e detrazioni fiscali. Un momento ottimale per affidarsi ad un professionista che vi guidi verso l’ acquisto del bene fondamentale per una famiglia.

 



…E’ ORA IL MOMENTO…



Il sito utilizza cookie tecnici, statistici e di marketing.
Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie. Puoi modificare le tue preferenze dalla nostra cookie policy.

Modifica Accetto